La flora
La flora

Per la sua configurazione geografica e geologica, Ramatuelle presenta una gamma di formazione vegetale estremamente ricca e diversificata. Tra le più conosciute, troviamo le seguenti specie.

Saperne di più

I Vigneti

Coltivata su una superficie di 750 ettari (ossia il 20% dell'area del comune) nella pianura alluviale o nelle zone pedemontane, la vite costituisce uno dei componenti essenziali del paesaggio di Ramatuelle. Questa attività ancestrale, come in tutta la Provenza (i Greci vi piantarono i primi ceppi 600 anni prima della nostra era), costituisce la 2a attività economica del comune, con una produzione globale di 40.000 hl/anno, di cui una parte è destinata all'esportazione.

Château des Marres

Situato sulla strada delle spiagge, davanti alla prestigiosa Baia di Pampelonne, questa proprietà familiare ha saputo unire autenticità e modernità. Le tre varietà di colore vi vengono proposte nel A.O.C Côtes de Provence. Il suo Rosé e il suo Bianco sono elaborati a partire da vitigni nobili, lavorati a bassa temperatura, che conferisce loro una grande finezza in bocca con aromi particolari. Il suo Rosso, affinato in barili di quercia nella pura tradizione vitivinicola, si colloca nella famiglia dei vini di facile conservazione. Cinsault, Grenache, Syrah, Mouvèdre, Cabernet Sauvignon, Tibouren e Rolle costituiscono i principali vitigni di questo vigneto.


Château Volterra

Accarezzate dalla dolce brezza del Mediterraneo, le nostre vigne, che si estendono su 6 ettari, godono di un panorama privilegiato. La cantina, rannicchiata tra i suoi vigneti, presenta un’architettura che risale al XIX secolo. Le dimensioni e le vendemmie manuali al chiaro di luna, oltre alla fermentazione in barili di quercia, testimoniano il nostro impegno verso una produzione di vini di qualità. La nostra aspirazione è di produrre un Côtes de Provence che si classifichi costantemente tra i migliori vini del mondo. I nostri vini rossi sono ricchi e complessi, e questo è raro tra i vini della regione. I nostri vini bianchi offrono un aroma distintivo con una nota leggera di agrumi, che in bocca risaltano grazie ad una piacevole freschezza.


Domaine des Bouis

La proprietà è situata nella pianura interna di Pampelonne. Una tradizione familiare, un lungo lavoro di ricerca dei migliori vitigni: Carignan, Syrah, Grenache, Carignan bianco, Rolle. Il vino rosso viene affinato in barrique per 10 mesi. Il Rosé de saignée, come il nostro vino bianco, viene affinato in barrique sulla feccia fine. Un vino speciale per un luogo unico.


Domaine des Tournels

Una cantina che esiste da molte generazioni, gestita dalla famiglia BOLOGNA, che propone le 3 varietà di colore A.O.C Côtes de Provence. Prodotti da uva diraspata e attraverso una fermentazione a bassa temperatura, i Rosés de saignée sono eleganti e fruttati. La presenza del Tibouren conferisce loro una tipicità del territorio. Sono ottenuti a partire da uva nera: Grenache, Cinsault, Tibouren. I rossi vengono mandati in cantina dopo una semplice diraspatura dei grappoli dei vitigni: Syrah, Cabernet Sauvignon. I bianchi sono ottenuti mediante spremitura diretta delle uve bianche: Rolle, Ugni bianco.


Domaine la Tourraque

Dal 1805, la nostra famiglia coltiva questo vigneto situato nel Sito dei Trois Caps, classificato tra i beni ambientali dello stato. Nel cuore del golfo di Saint-Tropez, produciamo dei vini A.O.C Côtes de Provence. La vicinanza del mare influenza favorevolmente i nostri 40 ettari di vigne. Nelle tre varietà di colori, proponiamo dei vini leggeri e fruttati, ma anche dei vini più strutturati, affinati in barrique. Sono disponibili anche magnum, vini millesimati e prodotti derivati. Infine, produciamo dell’olio di oliva, e proponiamo delle formule di turismo enologico.


Le Mas de Pampelonne

Creato nel 1886 da fiorentino Gal, il campo di 15 ettari, si è trasmesso col passare delle generazioni. Localizzato in bordatura della celebre spiaggia di Pampelonne, il vigneto è tenuto in agricoltura ragionata, piantata su una terra sabbiosa che produce ogni anno un rosé agli aromi intensi di agrumi. Le sue caratteristiche ne fanno un eccellente vino a degustare all’aperitivo che si accorderà anche con le pietanze meridionali. Vi proponiamo una vendita alla cantina, dove potrete venire ad ammirare il nostro campo così come i nostri attrezzi di produzione, senza dimenticare di degustare il nostro millesimo in ogni stagione.


Le Château de Pampelonne

Le origini del castello risalgono al XVII secolo. È una denominazione Côtes de Provence A.O.C. Vi si trovano i vitigni Tibouren, Cinsault, Grenache, Syrah e Mouvèdre, ai quali si aggiungono il Rolle e l’Ugni.


Vignobles de Ramatuelle (cantina cooperativa)

Vinificano il 70% della loro produzione in vini rosati, il 25% in vini rossi e il 5% in vini bianchi. Su 13.000 ettolitri, la cantina propone 10.000 hl di AOP Côtes de Provence e 3.000 hl di Vin de Pays du Var. Il vitigno di punta è il Tibouren, mentre il resto della produzione riprende dei vitigni di origine controllata: Grenache, Syrah, Cinsault, Mourvèdre, Carignan e Merlot. La sua creazione nel 1954 ha permesso ai piccoli proprietari di seguire l’evoluzione delle tecniche moderne con, in particolare, una catena di imbottigliamento e una vinificazione di qualità.

I tesori nascosti

Dolmen de Briande

Il Dolmen è situato nella proprietà del Conservatorio del Litorale. Partendo dall’Escalet, seguire il sentiero del litorale. Alla Casa dei Doganieri, risalire la valle per 500 metri (segnalata da frecce di legno).
Oscar RAPPAZ, archeologo, vi ha scoperto nel 1935 delle punte di frecce, delle gocce di quarzo e delle perle di serpentino. Non sono presenti lastre di copertura.

Moulin de Paillas

Esso costituisce uno degli elementi principali del patrimonio edificato di Ramatuelle. Restaurato nel 2002, rifatto secondo l’arte dell’epoca con un meccanismo completamente di legno che funziona tuttora e una lama pronta per macinare il grano. Il mulino di Paillas si trova in cima al paese di Ramatuelle, a 2 km, sulla strada che porta a Gassin da cui si vede a strapiombo tutta la costa da Cavalaire a Saint-Tropez

Casa dei doganieri

Situata ai piedi della penisola di Taillat, questa strana costruzione che risale al XIX secolo e recentemente restaurata è di proprietà del Conservatorio del Litorale che è responsabile della salvaguardia e della sorveglianza dei 3 cap classificati fra i beni ambientali dello stato: Lardier, Taillat e Camarat. Nelle vicinanze, sulla piccola spiaggia è situata una provvista d’acqua dolce romana (pozzi).

La flora

Il corbezzolo

In autunno e in inverno, seduce con i suoi fiori a forma di sonaglio bianco o rosa tenue. I suoi frutti, chiamati “corbe”, sono commestibili ma non hanno un grande sapore. Se ne fanno delle marmellate e un’acquavite: “la crema di corbezzolo”. È uno dei rari arbusti dei quali è possibile osservare nello stesso momento i fiori e i frutti.

L’Asparago selvatico (Asparagus acutifolius)

Sembra essere originario del bacino mediterraneo. Coltivato dai Romani, fu nominato ufficialmente Asparagus Officinalis nel Medioevo ma rimane un prodotto di lusso riservato alla corte del Re. Cresce lontano dagli sguardi indiscreti. È molto sottile e può soprattutto essere di dimensione alta.

L’Euforbia arborea (Euphorbia dendroides)

È tossica e secerne un lattice bianco quando la si rompe. La più famosa delle Euforbie è il ricino utilizzato come purgante. Questa pianta viene considerata come scaccia-talpe nei giardini.

L’Olivo

Albero sacro, simbolo di speranza e segno di clemenza divina. Emblema di purezza e di vita, l’oliva è un alimento basilare dei popoli mediterranei. Nell’Antichità greca, rappresenta la saggezza e simboleggia l’immortalità, giacché è molto resistente. Di una dimensione in genere modesta (5 a 8 metri), si caratterizza per il tronco spesso corto, più o meno contorto. Quest’albero è sensibile al freddo. Le sue foglie lunghe e strette sono opposte, verde cupo sopra e grigio argenteo sotto. I suoi fiori di un bianco giallastro si presentano in piccoli grappoli situati all’ascella delle foglie, i quali danno poi frutti ovoidi « olive » più o meno grosse ( da 1,5 a 2 centimetri). È utile nella prevenzione dell’arteriosclerosi e delle malattie coronariche giacché fa diminuire il tasso di colesterolo (LDL) ed aumenta quello buono (HDL).

La Barba di Giove

Questo arbusto, che può raggiungere i 3 metri di altezza, ha delle magnifiche foglie pelose e argentate. I fiori di colore giallo chiaro sono raggruppati sulla sommità dei rami. Pianta alofila e specie protetta, è utilizzata per cicatrizzare alcune zone litorali degradate.

La Cineraria marittima (Jacobaea maritima)

Grazie alle sue foglie di colore grigio argenteo ed alla tessitura lanosa e fortemente incisa, la riconoscerete facilmente. Cresce nelle pietraie, predilige i terreni sabbiosi in vicinanza del mare.

La Clematide fiammella o Vitalba (Clematis fammula)

È una delle specie rampicanti più robuste, conviene perfettamente per coprire grandi superficie. Raggiunge facilmente oltre 8 metri di altezza.

La Salsapariglia

Originaria dell’America Centrale e del Sud, questa pianta è diventata famosa grazie ai Puffi. Assomiglia fortemente a una liana spinosa e si attacca ai cespugli attraverso dei viticci. Ha delle foglie a forma di cuore, più o meno triangolari.

L’Erica arborea

Pianta dai fiori viola o rosa, la sua corteccia è rossastra preferendo i terreni silicei, dove forma delle lande dall’aspetto caratteristico.

La Quercia da sughero

Questo albero è molto famoso nelle nostre regioni. Popola le nostre foreste chiamate “suberaie”. La raccolta del sughero si effettua in estate: è il distacco della corteccia. La prima raccolta, detta “sughero maschio”, è di cattiva qualità. Poi, ogni 13/17 anni, è possibile raccogliere il “sughero femmina” che ha una superficie liscia. Questo sughero serve per fabbricare i tappi di bottiglie.

Il Leccio

Cresce in modo naturale, vive nei luoghi caldi e soleggiati. Teme il freddo. Il suo legno è utilizzato nei settori della torneria, falegnameria, ebanisteria… Le sue foglie sempreverdi sono piccole, dure e spinose, di colore verde scuro.

Il Caprifoglio mediterraneo (Lonicera implexa)

Sorta di liane dai fiori olezzanti della famiglia delle Caprifogliacee. Le sue foglie persistenti sono coriacee ed ovali.

Il lentisco

Sprigiona un odore di resina. Le sue foglie sono di un colore verde abbastanza pronunciato, i suoi fiori bianchi sono a grappoli e danno dei piccoli frutti rossi che maturando diventano neri. Dalla sua resina si estrae una gomma: il mastice di Chio, che viene utilizzato nei trattamenti dentali e per la fabbricazione del chewing-gum.

La Mimosa (Acacia Dealbata)

Pianta originaria d’Australia molto apprezzata per la sua bella fioritura invernale. Cresce molto rapidamente, forma folti boschetti impermeabili. Albero che si è adattato molto bene ai terreni silicei. La mimosa viene considerata come una specie invasiva. Ricresce molto rapidamente dopo un incendio ma sradica purtroppo tutte le altre piante laddove è impiantata.

Il Mirto

Nell’Antichità, fu simbolo di Gloria e di Amore. Per questo, lo si indossava come una corona, proprio come l’alloro. Lo riconoscerete grazie alle sue foglie ovali e appuntite, il tutto sottolineato da una nervatura principale molto marcata. A partire dal mese di maggio o giugno, si ricopre di minuscoli fiori bianchi o rosa, dando nascita a delle piccole bacche blu che, masticate, rinfrescano l’alito.

Il Pino marittimo (Pinus pinaster)

Sostituisce il pino d’Aleppo sui terreni silicei. Può formare foreste miste con il leccio. Viene utilizzato come legname da carpenteria. Purtroppo, i pini marittimi deperiscono spesso, attaccati da una cocciniglia.

Il Rosmarino (Rosmarinus officinalis)

Questo arboscello predilige in particolar modo i luoghi asciutti. Emana un odore gradevole e fiorisce tutto l’anno. Stimola il funzionamento della cistifellea. A questo titolo, viene indicato in caso di insufficienza epatica. Agisce pure sulle fermentazioni intestinali e sui dolori addominali.

Lo Statice

È endemico. Lo si trova sulle rocce silicee marittime. Pianta alofila, è una specie protetta. Per questo è severamente vietato raccoglierlo.

L’ Alaterno (Rhamnus alaternus)

Le foglie dell’alaterno sono persistenti ed a lembo seghettato. Vi si trovano fiori giallastri nonché piccoli grappoli rossi poi neri.